ETICHETTATURA. Cioccolato puro, MSE e MIPAAF pronti a modifiche

Dopo la sentenza della Corte di Giustizia della Comunità Europee secondo la quale l’Italia, utilizzando la dicitura "cioccolato puro" ha violato il diritto Ue sull’etichettatura, il Ministero dello Sviluppo Economico, di concerto con il Mipaaf e con il Ministero delle Politiche Europee, "é pronto ad apportare le necessarie modifiche al decreto legislativo 178 del 2003" (che prevede appunto la dizione ‘cioccolato puro’) per evitare sanzioni europee". Lo ha detto nel corso del Question Time il Ministro per i Rapporti Con il Parlamento Elio Vito rispondendo ad un’interrogazione della Lega Nord. "Non appena saranno conosciute le motivazioni della sentenza della Corte di Giustizia Europea – ha detto Vito – i servizi del Ministero dello Sviluppo Economico hanno già allo studio una modifica alla legge vigente per rispettare la normativa comunitaria ma che tuteli anche l’informazione corretta dei consumatori". Un’altra strada per tutelare il cioccolato puro – ha indicato Vito – potrebbe essere l’accoglimento delle richieste italiane nel quadro del Regolamento europeo sull’etichettatura dei prodotti alimentari di cui la Commissione Europea ha presentato una sua proposta attualmente in discussione.

Comments are closed.