EUROPA. Concorrenza, multa di 75 milioni di euro a produttori giapponesi di videotape

Una multa complessiva di quasi 75 milioni di euro ai tre principali produttori mondiali di videotape professionali: è quanto ha stabilito la Commissione europea nei confronti delle tre società giapponesi Sony, Fuji e Maxell, accusate di aver fatto cartello a danno dei consumatori e punite con una multa di 74.790.000 euro. I comportamenti illegali risalgono al periodo compreso fra il 1999 e il 2002, quando le società riuscirono a far aumentare o comunque a controllare i prezzi tenendoli elevati attraverso "una serie di incontri regolari e altri contatti illeciti". In particolare, le multe comminate sono di 47.190.000 euro per la Sony, di 13.200.000 euro per la Fuji e di 14.400.000 euro per la Maxell. La multa inflitta alla Sony è stata aumentata del 30% per aver ostacolato le indagini dell’Antitrust europeo durante le ispezioni nei locali mentre, nei confronti di Fuji e Maxell, la multa è stata ridotta rispettivamente del 40% e del 20% per aver collaborato alle indagini. Secondo quanto reso noto dalla Commissione, il cartello copriva quelli che all’epoca erano i due principali formati per videotape professionali, Betacam SP e Digital Betacam.

Comments are closed.