EUROPA. Consiglio Ue dà l’ok ad un’impresa europea di pile a combustibile e di idrogeno

Il Consiglio d’Europa ha adottato oggi un regolamento per la creazione di un’impresa comunitaria di pile a combustibile e di idrogeno. I fautori di quest’iniziativa sono la Comunità europea e un’associazione industriale europea senza scopo di lucro composta da molte società del settore delle pile a combustibile e di idrogeno, che vanno dalle micro imprese alle grandi multinazionali. L’obiettivo è quello di accelerare lo sviluppo delle pile a combustibile in Europa e permetterne la commercializzazione tra il 2010 e il 2020. Il partenariato metterà in atto un programma integrato ed efficiente di attività di ricerca e di sviluppo tecnologico, di dimostrazione e di sostegno alle applicazioni più promettenti. Un’analisi finanziata dall’Ue ha indicato che l’idrogeno ridurrebbe il consumo totale di petrolio del trasporto urbano del 40% da qui al 2050. Di conseguenza si ridurrebbero anche le emissioni di CO2, arrivando al 50% nel 2050.

Questo regolamento si inserisce nel piano strategico europeo per le tecnologie energetiche che gioca un ruolo cruciale nell’adozione delle tecnologie a bassa intensità di carbonio. "Quest’iniziativa pone l’Europa direttamente in testa nella corsa allo sviluppo di queste nuove tecnologie" ha commentato Janez Potocnik, membro della commissione responsabile della scienza e della ricerca. La cerimonia ufficiale di lancio è organizzata per il 14 e 15 ottobre a Bruxelles.

Comments are closed.