EUROPA. Dal 30 marzo si allarga lo spazio Schengen

Si allarga dal 30 marzo lo spazio Schengen. Verranno aboliti infatti i controlli di frontiere aeree fra Estonia, Repubblica ceca, Lituania, Ungheria, Lettonia, Malta, Polonia, Slovacchia e Slovenia, e fra questi paesi e i vecchi Stati Schengen. Lo rende noto la Commisione europea in comunicato.

"L’abolizione dei controlli alle frontiere aeree – ha commentato il vicepresidente della Commissione europea, Jacques Barrot – segna la conclusione di un processo storico unico: la soppressione delle frontiere interne fra 24 paesi dell’Unione. La Commissione rende omaggio agli Stati membri che hanno installato sofisticati sistemi di sicurezza e speciali terminali Schengen nei loro aeroporti".

A partire dal 30 marzo sarà dunque possibile viaggiare da un aeroporto all’altro dello spazio Schengen allargato senza ulteriori formalità, il che avrà l’effetto positivo di ridurre le file e agevolare le procedure per i cittadini dell’Unione e di altri paesi in viaggio aereo nello spazio Schengen. Verranno ovviamente mantenuti i controlli di identità effettuati dalle compagnie aeree ai check-in e all’imbarco, al pari dei normali controlli di sicurezza previsti per qualunque volo, a prescindere dalla destinazione.

"L’allargamento dello spazio Schengen – ha concluso Barrot – dimostra l’impegno dell’Unione a facilitare gli spostamenti legittimi all’interno e verso l’Unione, rafforzando nel contempo la sicurezza delle frontiere esterne dell’Europa".

L’abolizione dei controlli alle frontiere aeree nello spazio Schengen allargato fa seguito alla decisione del novembre 2007 con la quale i ministri della Giustizia e degli Affari interni hanno stabilito che tutti i paesi candidati soddisfano i requisiti necessari per l’applicazione dell’acquis di Schengen.

Comments are closed.