EUROPA. Eurobarometro primavera 2008: europei preoccupati per inflazione e disoccupazione

Inflazione e disoccupazione sono le maggiori preoccupazioni per i cittadini europei, tra i quali c’è stato un significativo calo di fiducia verso l’economia nazionale. In particolare, dal rapporto Eurobarometro standard della primavera 2008 emerge che il 46% di loro, cioè il 20% in più rispetto ad autunno 2007, pensa che la situazione dell’economia nazionale andrà degradandosi nei 12 mesi futuri; soltanto il 16%, crede che possa migliorare. Per il 37% della popolazione è l’inflazione il problema più importante che affligge il proprio paese, mentre il 24% degli europei crede che un grosso problema sia la disoccupazione. Rispetto al 2007 è rimasto più o meno stabile il grado di fiducia del cittadini nei confronti delle istituzioni europee: il 44% sente la protezione dell’Ue dagli effetti negativi della globalizzazione e il 35% è dell’opinione contraria.

Quasi la metà degli europei afferma che l’Ue permette ai suoi cittadini di beneficiare degli effetti positivi della mondializzazione, ma il 31% non è di quest’idea. Comunque l’Unione europea continua ad evocare un’immagine positiva per il 48% della popolazione , un’immagine neutra per poco più di un terzo dei cittadini e un’immagine negativa per il 15%. Sono i rumeni e gli irlandesi ad avere le opinioni più ottimiste. E’ diminuita del 6%, attestandosi quindi al 52%, la percentuale dei cittadini che hanno un pensiero positivo sull’appartenenza all’Ue; un calo c’è stato anche nel numero di persone che stimano di aver ricevuto vantaggi dall’appartenenza del loro paese all’Ue. L’inchiesta Eurobarometro ha coinvolto 30.170 cittadini europei che sono stati intervistati tra il 25 marzo e il 4 maggio 2008.

Per consultare l’inchiesta cliccare qui

Comments are closed.