EUROPA. Eurostat: inflazione stabile al 3,2% e disoccupazione cala al 7,2% nell’UE

Le stime rapide di gennaio pubblicate dall’Eurostat registrano un tasso di inflazione annuale stabilizzatosi al 3,2% nella zona euro; il valore di dicembre 2007 era del 3,1%. Il tasso di disoccupazione nella zona euro si è stabilizzato al 7,2%. Il valore, corretto con le variazioni stagionali, si riferisce a dicembre 2007 ed si è abbassato di poco rispetto al 7,8% registrato a dicembre 2006.

Per l’UE27 il tasso di disoccupazione si è abbassato di quasi un punto percentuale rispetto a dicembre 2007: 6,8% contro 7,6% dell’anno precedente. I valori più bassi sono stati registrati nei Paesi Bassi (2,9%) e in Danimarca (3,1%), mentre i più elevati in Slovenia (10,8%) e in Spagna (8,6%). Ben 24 Stati membri hanno registrato un abbassamento del loro tasso di disoccupazione annuale e solo in 3 Stati si è verificato un innalzamento.

Le diminuzioni più consistenti si sono avute in Polonia (dall’11,8% all’8,1%) e in Bulgaria (dall’8,2% al 5,8%), mentre l’aumento più forte lo ha avuto la Spagna (dall’8,2% all’8,6%).

Per gli uomini il tasso di disoccupazione dell’UE27 è diminuito dal 7% al 6,4%, rispetto alle stime dell’anno precedente, e per le donne dall’8,4% è sceso al 7,3%. Anche per i giovani con meno di 25 anni il valore è sceso dal 16,3% al 14,8%. A dicembre 2007 nei 27 Stati membri si è stimato un numero di 16,2 milioni di uomini e donne disoccupati, quasi 2 milioni in meno rispetto alle stime di dicembre 2006.

Negli Stati Uniti il valore di dicembre 2007 è del 5%, in Giappone del 3,8%.

Per saperne di più cliccare qui

Comments are closed.