EUROPA. Nucleare, salta l’accordo al Parlamento europeo

STRASBURGO – Salta l’accordo sul futuro del nucleare al Parlamento europeo. Gli Eurodeputati bisticciano nella votazione più importante della settimana e alla fine non viene approvato niente. Due le proposte che avrebbero dovuto passare: una exit strategy ”a medio e lungo termine” ed una moratoria per l’attivazione di nuovi reattori almeno fino a che non saranno completati gli "stress test" che entro l’anno si faranno, forse, su tutte le 148 centrali atomiche del continente.

Per un gioco di veti incrociati alla fine entrambe le proposte sono rimaste sulla carta. Nel caso della moratoria, ad esempio, erano tutti d’accordo tranne che sulla durata della stessa, quindi alla fine non è stata approvata. La risoluzione nel suo insieme ha ricevuto 300 voti contro, 264 a favore e 61 astenuti. Questa chiedeva "che l’Unione europea debba riconsiderare il proprio approccio alla sicurezza nucleare, tenendo presente che l’energia nucleare continuerà a far parte del mix energetico di diversi Stati membri per molti anni a venire". Inoltre si chiedeva che gli stress "devono essere obbligatori e basati su criteri comuni e trasparenti".

I gruppi politici si sono presentati al voto spaccati anche al loro interno. Ben 56 deputati popolari (centrodestra) hanno deciso di non appoggiare la risoluzione nonostante le indicazioni del capogruppo Joseph Daul. In Italia hanno votato a favore i deputati del Pdl e contro quelli del Pd secondo i quali ”non si può’ parlare di nucleare senza parlare di strategie di dismissione e di investimenti sulle energie rinnovabili”. E dire che in un dibattito pubblico il giorno prima erano sembrati tutti d’accordo. Il Commissario per l’energia Günther Oettinger aveva parlato di "una lista di criteri redatti dalla Commissione, che saranno inviati al Parlamento e resi pubblici" per fine maggio. L’UE però non è competente per la politica energetica: "I test saranno decisi e effettuati dai singoli Stati", ha precisato il Commissario.

di Alessio Pisanò

 

Comments are closed.