EUROPA. Oggi al Parlamento Ue la cerimonia per l’Energy Globe Awards 2008

Si festeggia stasera al Parlamento europeo la nona edizione dell’Energy Globe Awards, uno dei premi più prestigiosi nel campo dell’ambiente. All’edizione di quest’anno partecipano 109 paesi che si sono impegnati a promuovere l’uso di energia pulita e rinnovabile e i premi sono suddivisi in 5 categorie: terra, fuoco, aria, acqua e gioventù. Saranno il Presidente del Parlamento Ue, Hans-Gert Pottering, il Presidente della Commissione Ue, José Manuel Barroso, il primo Ministro sloveno Janez Jansa e l’ex Segretario Generale dell’Onu, Koki Annan a consegnare i premi. Mikhail Gorbachev riceverà il premio "Lifetime Achievement"; Maneka Gandhi farà parte della giuria e varie personalità dello spettacolo, come Zucchero, Alanis Morissette e Dionne Warwick si esibiranno per l’occasione. Ogni personalità patrocinerà un continente: l’America, l’Africa, l’Asia, l’Europa e l’Australia, ciascuno legato ad una delle cinque categorie. La presentatrice e attrice Désiree Nosbusch introdurrà la serata trasmessa direttamente dagli edifici del Parlamento Ue di Bruxelles che sarà organizzata sotto forma di emiciclo.

L’Energy Globe Awards, fondato da Wolfgang Neumann, aiuta a sostenere i progetti a livello locale che mirano al risparmio energetico, alla protezione dell’ambiente e all’accesso all’acqua. Tra i finalisti, tre per ogni categoria, figurano progetti relativi all’introduzione di sistemi di energia solare per villaggi rurali in Bangladesh, alla riforestazione in Argentina e all’uso di veicoli ibridi nel trasporto pubblico a Stoccolma. Ad aggiudicarsi l’edizione dello scorso anno è stato John Maina dal Kenya, che ha presentato soluzioni all’avanguardia per incrementare del 50% i raccolti di piccole aziende agricole. Per le altre categorie sono stati premiati: un piano quadriennale per l’installazione di 16mila case solari in India; l’ideatore di un filtro speciale per trasformare l’acqua inquinata in potabile; l’inventore delle piccole piante Biogas che aiutano a ridurre le emissioni di CO2 e sono state installate in Vietnam; un’università austriaca che ha costruito in Sud Africa una casa autosufficiente con energia solare, che riesce a garantire una temperatura interna di 20° indipendentemente da quella esterna.

Il Parlamento sta lavorando a una strategia europea per il cambiamento climatico che si basa su un target "20-20-20" da raggiungere entro il 2020. Il piano d’azione prevede, infatti, un incremento del 20% nell’efficienza energetica, un taglio del 20% dei gas a effetto serra e una quota del 20% di energia rinnovabile sul totale dei consumi UE entro il 2020. Sta poi legiferando riguardo ad una revisione del sistema comunitario di scambio delle emissioni, sulle emissioni di CO2 da parte delle automobili, sulle fonti rinnovabili e sui biocarburanti, nonché su obiettivi nazionali vincolanti per la riduzione delle emissioni e sulla cattura e lo stoccaggio del carbonio.

Comments are closed.