EUROPA. Progetto della Commissione Ue per facilitare l’identificazione elettronica

In 13 Stati membri, tra cui l’Italia, l’accesso a molti servizi pubblici sarà più semplice. La Commissione europea ha lanciato oggi un progetto pilota che permetterà ai cittadini dell’Ue di provare la loro identità attraverso dei sistemi nazionali elettronici, come la carta di identità elettronica, già utilizzata da 30 milioni di cittadini, password e codici Pin. L’obiettivo del progetto è quello di garantire il riconoscimento transnazionale dei sistemi nazionali di identità elettronici, armonizzandoli e collegandoli tra loro. Dunque uno studente potrà iscriversi ad un’università straniera tramite la sua carta di identità elettronica emessa dal suo paese d’origine. Per gli studi, per le vacanze, per il lavoro e per altro ancora, è fondamentale per i cittadini europei poter accedere facilmente ai servizi pubblici dell’Ue.

Questo progetto, chiamato STORK ( Secure idenTity acrOss boRders linKed) contribuisce in modo significativo alla mobilità dei lavoratori europei. "Promuovendo il riconoscimento reciproco delle identità elettroniche tra gli Stati membri, questo progetto ci avvicina di più alla mobilità all’interno dell’Unione, nella direzione di un mercato unico senza frontiere".

Comments are closed.