EUROPA. Trasporto aereo, Relazione Kuneva: “Problemi gravi e persistenti per i consumatori”

Per un terzo dei siti delle compagnie aeree sono stati necessari interventi coercitivi per violazione delle norme a tutela dei consumatori. Troppi prezzi ingannevoli e irregolarità nei termini contrattuali. Sono questi i "Problemi gravi e persistenti per i consumatori" di cui parla il Commissario UE responsabile dei consumatori, Meglena Kuneva, nella sua relazione intermedia su un’indagine che ha coinvolto 15 autorità nazionali dell’UE, nonché la Norvegia contro la pubblicità fuorviante e le pratiche sleali riscontrate nei siti web per la vendita di biglietti aerei.

Sotto la lente della Commissione 386 portali del settore del trasporto aereo. Di questi un terzo, 137, sono stati sottoposti a provvedimenti coercitivi negli ultimi sette mesi. I siti indisciplinati rappresentano circa 80 compagnie tra quelle più rinomate e piccoli vettori. La violazione principale è quella dell’ingannevolezza dei prezzi riscontrata nel 58% dei casi. Segue l’irregolarità dei termini contrattuali (49%) e la mancata disponibilità di un’offerta pubblicizzata (15%).

Duro il commento della Kuneva: "Non si può accettare che un consumatore su tre che prenota un biglietto aereo online venga imbrogliato o indotto in errore e confuso. Questi risultati costituiscono un messaggio politico che non possiamo ignorare. Mi auguro che gli operatori abbiano capito che la Commissione si è impegnata a difendere i consumatori ovunque ce ne sia bisogno. Il mio messaggio agli operatori del settore è chiaro: intervenite subito o interverremo noi".

Il Commissario si è impegnato a "collaborare con gli Stati membri e fare il possibile per concludere l’indagine entro il 1° maggio dell’anno prossimo". Data entro la quale la Commissione si aspetta da parte degli operatori un intervento immediato e "prove tangibili di un miglioramento della situazione relativa alle vendite di biglietti e alle pratiche di marketing nel settore dei trasporti aerei".

In Italia, su undici siti internet dedicati all’acquisto di biglietti aerei messi sotto osservazione, sette sono risultati in linea con la disciplina a tutela dei consumatori, tre hanno corretto le informazioni poco trasparenti grazie alla moral suasion effettuata dall’Antitrust, mentre per un quarto operatore è stato avviato un procedimento per pratica commerciale scorretta.

 

Comments are closed.