EUROPA. Trasporto aereo, regole meno severe sui liquidi a bordo

BRUXELLES. Si allentano le restrizioni Ue sui liquidi dei bagagli a mano sugli aerei. Ma la nuove regole riguardano solo i passeggeri che arrivano da Paesi extraeuropei, proposta che ha già scatenato le proteste di alcuni Paesi membri, come Italia, Francia, Belgio e Gran Bretagna, restii ad ammorbidire le restrizioni, così come gli Stati Uniti. Un riesame completo delle norme per il traffico interno all’Ue è previsto nel 2013.

L’obiettivo delle Commissione europea è di alleggerire i divieti per i liquidi portati nel bagaglio a mano all’interno della cabina introdotti nel 2006 contro il terrorismo. Ad oggi è proibito portare liquidi oltre i 100 millilitri, compresi aerosol e gel. Le norme meno restrittive dovrebbe coincidere con lo sviluppo di tecnologie in grado di verificare se all’interno di questi liquidi ci siano sostanze esplosive.

La decisione della Commissione ha già sollevato le prime critiche tra quanti temono che diversi orientamenti tra Stati stessi dell’Ue non faccia altro che generare confusione tra i passeggeri. Dubbia anche l’adesione degli Stati Uniti, la principale origine dei voli extraeuropei diretti nel vecchio continente.

Tuttavia nel pomeriggio l’Enac rende noto che la Commissione europea "considerate le difficoltà applicative del Regolamento Europeo 297/2010 ha richiesto agli stati membri di differire l`attuazione della normativa stessa, originariamente prevista per la data odierna". I limiti sul trasporto dei liquidi sugli aerei introdotti dal 6 novembre 2006 rimarranno ancora in vigore in Italia fino alla nuova decisione di Bruxelles, dove i responsabili per la sicurezza del trasporto aereo dovranno discutere le misure attuative del citato regolamento. L’Italia rientra fra quegli Stati che avevano espresso le maggiori riserve sulla decisione di alleggerire le normative Ue sui liquidi. "Nel frattempo si continuerà nella valutazione delle misure che possano permettere l’entrata in vigore di operazioni di screening sui liquidi, onde consentire il trasporto a bordo degli stessi", fa sapere l’Enac.

di Alessio Pisanò

La riproduzione di questo contenuto è autorizzata esclusivamente includendo il link di riferimento alla fonte Help Consumatori

 

Comments are closed.