Energia: Adiconsum, positivo il ruolo dell’Autorithy ma il lavoro da fare è ancora tanto

"Siamo a favore di un rafforzamento dei poteri dell’Autorità affinché si arrivi ad un effettiva concorrenza nel mercato. Necessario eliminare gli oneri impropri dalle bollette degli utenti vincolati". E’ quanto ha dichiarato Paolo Landi, presidente di Adiconsum, associazione a tutela dei consumatori, a seguito della presentazione da parte dell’Autorità per l’Energia elettrica ed il gas della relazione annuale 2004.

Pur apprezzando il ruolo svolto dall’Autorità in difesa degli utenti per un miglioramento della qualità dei servizi e per la trasparenza nella bollette elettrica, Adiconsum ricorda che è ancora molta la strada da percorrere.

In particolare l’associazione chiede all’Autorithy di porre al centro della propria agenda per il prossimo anno i seguenti punti: "ripulire" le tariffe elettriche da oneri impropri (CIP6, certificati verdi, stranded-cost, nucleare, contributi alle imprese energivore, ecc.) che incidono per il 15% sul costo finale e che rendono le nostre tariffe tra le più alte d’Europa; introdurre un’effettiva concorrenza nel mercato del gas metano eliminando le rendite di posizione di Eni Gas che "costano" 5 eurocent al metro cubo; eliminare le barriere burocratiche che ostacolano l’allacciamento alla rete a cogenerazione da fonti rinnovabili diffusa sul territorio ostacolandone lo sviluppo; favorire il risparmio energetico nelle case e negli edifici civili promuovendo campagne d’informazione.

In merito al provvedimento approvato dal Governo nella giornata di ieri sulle tariffe elettriche, Adiconsum precisa che si tratta solo di un "effimero vantaggio", poiché quanto non pagato oggi sarà pagato domani con i relativi interessi bancari. Ci sono invece le condizioni per compensare gli aumenti della bolletta mediante una riduzione degli oneri impropri.

Comments are closed.