Energia, lo Sportello del Consumatore compie un anno

Dal 1° luglio 2007, da quando cioè il mercato dell’energia elettrica si è aperto alla concorrenza, sono stati oltre 5 milioni i clienti che hanno cambiato fornitore: il 14,3% delle famiglie e delle piccole e medie imprese italiane. Lo switch energetico ha avuto una forte accelerazione nell’ultimo anno (+5,1%): da settembre 2009 circa 1 milione e 750mila clienti domestici hanno scelto un nuovo contratto. Meno positive le notizie sul fronte del mercato gas che si è aperto alla concorrenza ben 7 anni fa.

"Non così soddisfacenti sono i risultati nel settore del gas, dove i clienti domestici che hanno cambiato venditore sono poco più della metà che nel settore elettrico: 7,8%, nonostante il mercato del gas sia libero da 7 anni". E’ quanto ha dichiarato Alessandro Ortis, Presidente dell’Autorità per l’energia elettrica e il gas, che oggi è intervenuto alla conferenza stampa sul bilancio dello Sportello per il Consumatore di energia che oggi compie il suo primo compleanno. Ortis ha spiegato che la causa della scarsa mobilità dei clienti nel mercato del gas sta principalmente nei ritardi dello sviluppo infrastrutturale e della concorrenza.

Il Presidente dell’Autorità per l’energia ha speso parole encomiabili per il lavoro svolto in un anno di attività dello Sportello per il Consumatore di energia che, attraverso il numero verde 800166654 ha gestito in un anno oltre 750.000 telefonate, dando informazioni su bonus gas e bonus elettrico, prezzi biorari, reclami e supporto all’utilizzo del Pesa Consumi e del Trova Offerte. Sono stati oltre 30.000 i reclami aperti dallo Sportello e 32.000 le lettere inviate ai clienti o agli operatori con la richiesta di informazioni e spiegazioni sui disservizi segnalati. Il 36% dei problemi gestiti dallo Sportello hanno riguardato la fatturazione o i prezzi/tariffe (rimborsi e informazioni sui nuovi prezzi biorari), il 26% è stato legato al cambio del fornitore e alla condotta commerciale, il 18% ai contratti. Il grado di soddisfazione degli utenti è risultato elevato: quasi il 90% di essi si è detto molto soddisfatto del servizio ricevuto.

"Constato – ha affermato Ortis – che ad un anno di attività dello Sportello il progetto si è avviato bene, a conferma del fatto che ci avevamo visto giusto. Il nostro obiettivo è quello di rendere le scelte dei cittadini sempre più libere, informate e protette. Per far ciò dobbiamo spostare sempre di più il potere di mercato verso il consumatore, il quale deve poi avere la possibilità di esercitare la sua libertà. Per esercitare la sua libertà il consumatore ha bisogno di un’abbondante offerta, cioè di tanti operatori in concorrenza tra loro. Questa libertà – ha continuato Ortis – agevola anche gli operatori perché è la customer care che consente di trattenere i clienti e di attrarne di nuovi. La bolletta, ad esempio, dovrebbe essere al centro dell’attenzione degli operatori perché rappresenta il loro modo di comunicare. Purtroppo questo non sempre succede, per questo l’Autorità detta alcune regole che rendono la bolletta il più semplice e completa possibile".

Dal 1° gennaio 2011, infatti, ci saranno le bollette semplificate frutto di un processo di consultazione e confronto con le Associazioni dei consumatori. Le nuove bollette conterranno informazioni aggiuntive per agevolare i clienti nel rapporto con i fornitori (ad esempio, come fare un reclamo, procedure in caso di mancato o tardivo pagamento della bolletta, etc..); ed informazioni sulle fonti utilizzate per la produzione di elettricità e il tipo di impianti (ad esempio centrali
idroelettriche, a carbone, a olio combustibile o a gas).

E i bonus? In questo momento i bonus attivati, sia per il gas sia per l’energia, sono 2,4 milioni; sono quindi oltre 2 milioni le famiglie che usufruiscono di un risparmio tra gli 80 e i 360 euro all’anno.

"Vogliamo – ha concluso il Presidente dell’Autorità per l’energia elettrica e il gas – che lo Sportello per il consumatore sia un orizzonte per tutti gli operatori, stimolandoli a fare sempre meglio".

di Antonella Giordano

 

Comments are closed.