FARMACI. AIFA approva misure per contenimento spesa

Il Consiglio di Amministrazione dell Agenzia italiana del farmaco (Aifa) ha approvato le misure strutturali per il governo della spesa farmaceutica, dando mandato alla Direzione Generale di emanare il relativo provvedimento entro il 15 luglio 2006. Tali misure, spiega l’Agenzia, comprendono due decisioni: una ulteriore temporanea riduzione del prezzo al pubblico dei farmaci, comunque dispensati o impiegati dal SSN, dal 4,4% attuale al 5% (0,6%).

Tale riduzione consente di ripianare nel 2006, completamente e in via definitiva, lo sfondamento del tetto di spesa farmaceutica programmato del 2005, per la quota del 60% a carico dei soggetti privati.

La seconda misura riguarda una manovra di revisione del Prontuario Farmaceutico Nazionale (PFN) che prevede una riduzione selettiva e temporanea del prezzo dei medicinali fino ad un massimo del 12% e fino al recupero della parte di propria competenza. Tale manovra si riferisce ai medicinali che nel primo trimestre 2006 hanno fatto registrare un aumento superiore alla media di settore, senza che sussista una motivazione giustificata sul piano epidemiologico; e in ogni caso ciò corrisponde ad un necessario riequilibrio tra spesa e consumi.

Complessivamente la manovra varata dal CdA dell’AIFA è stimata in 388 milioni di €, a cui si deve aggiungere l’effetto dei medicinali generici-equivalenti (stimato in 60 milioni di €) e l’effetto di moderazione dei consumi generato dalla manovra in quanto tale. La selettività del provvedimento di revisione del Prontuario riguarda 502 confezioni su 4799 (pari al 10,5%) e si riferisce a 98 aziende sulle 374 operanti sul territorio nazionale (26,4%).

I provvedimenti del CdA mirano ad assicurare un governo della spesa coerente con le disponibilità economiche programmate, sono stati assunti all’interno di una piattaforma complessiva tendente ad assicurare allo stesso tempo il governo e lo sviluppo del settore farmaceutico.

 

Comments are closed.