FARMACI. Farmaci antidiabetici a rischio cancro, Aduc chiede sospensione

L’Agenzia francese del farmaco (Afssaps) ha sospeso due farmaci antidiabetici, l’Actos e il Competact, contenenti il principio attivo pioglitazone, responsabile di un aumento del cancro alla vescica negli uomini. La notizia è riportata sul sito dell’Aduc che spiega: il pioglitazone ha un’azione insulino-sensibilizzante e viene utilizzato nel diabete mellito di tipo 2, in particolare per i pazienti in sovrappeso.

Secondo uno studio effettuato su 1,5 milioni di diabetici, 155.000 dei quali avevano preso il pioglitazone, il rischio di cancro alla vescica aumenta in media del 22%, con punte del 75%, nei trattamenti a dosi elevate con la molecola pioglitazone. Al 31 maggio, sono stati notificati all’Afssaps ben 46 casi di cancro alla vescica in seguito all’assunzione di questa molecola.

L’Aduc ricorda che l’Actos è stato autorizzato a livello europeo nel 2000 e Competact nel 2006. In Francia sono 230.000 gli assuntori di questi farmaci. Il consiglio dell’Agenzia, per questi pazienti, è di non smettere di prendere questi farmaci e di consultare il proprio medico per le necessarie verifiche. I medici, intanto, non devono più prescrivere farmaci con questo principio attivo. Già la Food and Drug Administration americana (FDA), lo scorso 17 settembre, aveva preannunciato questo rischio di cancro, rilevato a metà percorso di uno studio che sta durando 10 anni. I due farmaci, Actos e Competact, sono in commercio anche in Italia. Per questo l’Aduc sollecita il Ministro della Salute, Ferruccio Fazio, a seguire l’esempio dell’Afssaps e sospendere la prescrizione dei due farmaci.

 

 

Comments are closed.