FARMACI. Federfarma, nel 2009 spesa farmaceutica a carico del SSN in calo dell’1%

Prosegue il calo della spesa farmaceutica netta a carico del SSN: i primi dieci mesi del 2009 hanno registrato un calo dell’1% rispetto allo stesso periodo del 2008, a fronte di un aumento del 3% del numero delle ricette. Il numero delle ricette ormai è in aumento da alcuni anni e può essere probabilmente correlato al calo del numero dei ricoveri, diminuiti nel 2008 dell’1,7%, in conseguenza di un maggior ricorso all’assistenza farmaceutica territoriale. E’ il quadro delineato da Federfarma.

Dunque le ricette sono di più, ma il loro valore è calato, cioè si prescrivono più farmaci, ma di prezzo mediamente più basso. E questo è il risultato delle riduzioni dei prezzi dei medicinali varate dal Governo e dall’Aifa a partire dal 2006: come quella del 12% sui medicinali generici SSN, in vigore dal 28 maggio 2009 teoricamente fino al 31 dicembre 2009, ma con effetti di risparmio che continuano nel 2010, in quanto molte aziende non hanno riportato i prezzi al livello precedente.

Le farmacie comunque danno un rilevante contributo al contenimento della spesa, oltre che con la diffusione degli equivalenti e con la tempestiva fornitura dei dati analitici dei medicinali erogati in regime di SSN, anche con lo sconto al SSN. Nei primi dieci mesi del 2009 le farmacie hanno garantito, proprio con lo sconto, un risparmio di oltre 500 milioni di euro, ai quali si aggiungono oltre 64 milioni di euro derivanti dal pay-back attivato a carico delle farmacie a decorrere dal 1° marzo 2007.

Comments are closed.