FINANZIARIA Adusbef e Federconsumatori: “Troppo squilibrata a favore delle imprese”

La legge finanziaria secondo Adusbef e Federconsumatori "sembra troppo squilibrata a favore delle imprese, che avranno sei miliardi di euro a regime di cuneo fiscale. Noi invece avremmo preferito che vi fosse una finanziaria fortemente "classista" poiché riteniamo che lo sviluppo del Paese passi anche attraverso una ricostituzione del potere d’acquisto delle famiglie meno abbienti". E’ per questo che tra le proposte di modifiche chieste – continuano le associazioni – nel riconfermare la positività del cuneo fiscale per questo obbiettivo, si debbano destinare non più di tre miliardi di euro per dare a redditi in capienti che non beneficiano delle aliquote Irpef gli altri tre miliardi. Non vorremmo che questi attacchi alla finanziaria, siano portati da nostalgie delle vecchie finanziarie di un governo che ha portato il Paese a crescita zero, che ha fatto crollare i consumi , che ha ridotto drasticamente il potere d’acquisto delle famiglie e che le ha fatte indebitare per 70 miliardi di euro".

Adusbef e Federconsumatori attraverso manifestazioni di piazza presenteranno le modifiche alla finanziaria quali:

  • l’abrogazione dell’obbligo di polizze per l’abitazione
  • l’abrogazione di alcuni odiosi ticket su ricette e visite specialistiche
  • la graduale eliminazione dell’ICI prima casa

Per Elio Lannutti (Adusbef) e Rosario Trefiletti (Federconsumatori) "si tratta di reperire importanti risorse attraverso la dura lotta all’evasione fiscale e alla anticipazione della percentuale del 20 % sulle rendite finanziarie".

Comments are closed.