FINANZIARIA. Ritardi nell’approvazione del Dl fiscale

L’approvazione definitiva del decreto fiscale collegato alla Finanziaria, slittata già da venerdì scorso ad oggi, rischia di essere rinviata di un altro giorno. Alla Camera infatti i lavori sono stati sospesi già un paio di volte per mancanza del numero legale. Sulle cause di queste assenze influisce la difficoltà nel decidere le ammissibilità degli oltre 200 ordini del giorno presentati al provvedimento ed al fatto che mancano a Roma ancora numerosi deputati del Nord, poiché si sono registrate difficoltà nelle partenze dei voli da Linate per il maltempo.

Nuovi ritardi anche per la Finanziaria vera e propria in commissione Bilancio. Gli emendamenti presentati sono circa 4.800 ed ancora non è stato completato il giudizio di ammissibilità da parte degli uffici tecnici, lavoro che dovrebbe finire domani mattina, secondo quanto riferito ai giornalisti dalla relatrice del provvedimento Daniela Santanché (An).
Il voto sugli emendamenti (secondo la Santanché in commissione ne saranno esaminati circa il 10% del totale di quelli presentati in base ad un accordo di massima raggiunto anche con le opposizioni) inizierà quindi probabilmente giovedì mattina e non domani, come inizialmente previsto. La Santanché ha anche riferito che oggi pomeriggio alle 16 si terrà una riunione di maggioranza sulla Finanziaria. Non si tratterà, a differenza di quanto scritto da alcuni quotidiani, di un vertice politico ai massimi livelli per decidere la posizione del governo sia sul bilancio sia sul ddl risparmio, ma di un incontro "tecnico".

Per quel che riguarda il destino del ddl risparmio bisognerà dunque attendere ancora. Anche ieri Silvio Berlusconi ha ripetuto che ci sarà un incontro di maggioranza, alla sua presenza, per decidere quali variazioni introdurre al testo. Ma una soluzione sembra ancora lontana.

 

Comments are closed.