FINANZIARIA. Torna tassa successione, bollo più caro per moto che inquinano

Torna la tassa di successione, ma si applicherà solo sugli immobili e sui capitali superiori ad un milione di euro. Lo prevede l’emendamento al decreto fiscale collegato alla Finanziaria, che modifica la norma attualmente presente di aggravio dell’ imposta di registro in caso di successioni e donazioni, che è stato depositato dal Governo in commissione Bilancio. L’ aliquota per coniugi e figli, sopra questa soglia, sarà del 4 per cento, per poi salire al 6% per gli altri parenti. Dal primo gennaio 2007 chi inquina paga, anche se va sulle due ruote.

A parità di cilindrata, i motocicli Euro zero di cilindrata superiore ai cinquanta pagano infatti il conto più salato: 25 euro fino a 11 kw, più 1,60 euro per ogni kw in più di potenza. All’estremo opposto i motocicli Euro 3. In questo caso, fino a 11 Kw si paga un po’ di meno di chi possiede un vecchio Euro zero (19,11), ma il risparmio si ottiene se si deve pagare l’aggiunta: per ogni kw in più infatti si dovrà tirare fuori praticamente la metà dei soldi, vale a dire 0,88 euro. In mezzo, ovviamente gli Euro 1 e 2. I primi pagano 23 euro più 1,30 per ogni kw di potenza in più rispetto agli 11 di base, mentre per gli Euro due il bollo parte da 21 euro, più 1 euro a kw.

 

Comments are closed.