FISCO. Agenzia Entrate, Anci e Ifel: dall’intesa scoperti 3,6 mln di imposte evase

Dall’intesa e dalle segnalazioni trasmesse dai Comuni all’Agenzia delle Entrate sono state scoperte imposte evase per un valore di 3,6 milioni di euro. Questi i primi risultati del Protocollo d’intesa antievasione fiscale firmato fra Agenzia delle Entrate, Anci e Ifel. E aumentano le segnalazioni di sospetta evasione da parte degli enti locali.

"Sono già oltre 3mila le segnalazioni che abbiamo ricevuto – ha dichiarato il direttore dell’Agenzia delle Entrate, Attilio Befera – un aiuto importante dal mondo degli enti locali che ci ha permesso di individuare con più efficacia diverse tipologie di fenomeni evasivi, soprattutto quelli legati all’urbanistica e al territorio, che costituiscono, infatti, circa il 70 per cento delle segnalazioni".

In particolare, sono state 3.216 le segnalazioni qualificate trasmesse dai Comuni agli uffici dell’Agenzia delle Entrate: di queste, 404 hanno già prodotto avvisi di accertamento per un importo pari a 3,6 milioni di euro di maggiore imposta accertata e le restanti 2.812 sono in corso di lavorazione.

Obiettivo dell’intesa è quello di sistematizzare il coinvolgimento dei Comuni nella lotta all’evasione e rendere l’attività di controllo sempre più capillare. "Ci siamo riusciti – ha dichiarato il segretario generale dell’Anci, Angelo Rughetti – e i primi risultati lo dimostrano, attraverso la creazione di un team di esperti antievasione, formazione a tutto campo, check list per segnalazioni mirate e costante monitoraggio sui risultati dell’azione segnaletica dei Comuni".

Comments are closed.