FISCO. Agenzia Entrate, pronto il codice tributo per recuperare somme sui mutui prima casa

E’ pronto il codice tributo che consente a banche e intermediari finanziari di recuperare in compensazione il credito d’imposta relativo agli sconti sui mutui prima casa. Con la risoluzione n. 59/E di oggi, l’Agenzia delle Entrate ha infatti istituito il codice – 6811 – da indicare in F24 per poter utilizzare in compensazione il credito d’imposta relativo alle quote di mutuo a carico dello Stato già anticipate ai beneficiari dell’agevolazione introdotta dal Dl anticrisi (Dl 185/2008).

Il nuovo codice dovrà essere riportato nella "Sezione Erario", in corrispondenza delle somme indicate nella colonna "importi a credito compensati", o nella colonna "importi a debito versati" nei casi di ravvedimento operoso, evidenziando, come anno di riferimento, l’anno d’imposta cui si riferisce l’operazione.

L’Agenzia delle Entrate ricorda che lo sconto spetta agli intestatari di un mutuo a tasso variabile contratto per l’acquisto, la costruzione e ristrutturazione dell’abitazione principale – eccetto quelle di categoria A1 (abitazioni signorili), A8 (abitazioni in ville) e A9 (castelli e palazzi di eminenti pregi artistici e storici) – sottoscritto entro il 31 ottobre scorso, sulle rate da corrispondere nel 2009. Sono agevolati anche i mutui rinegoziati in applicazione del decreto legge n. 93/2008 con effetto sul conto di finanziamento accessorio, oppure, a partire dal momento in cui lo stesso conto ha un saldo pari a zero.

 

Comments are closed.