FISCO. Da oggi i viaggiatori europei possono importare liberamente profumi e caffè

Da oggi 1° dicembre non ci sono più limiti per i viaggiatori che si portano dietro, da un altro paese, profumi, caffè e the. Per i vini, non spumanti, la quantità massima che si può importare passa da 2 a 4 litri; il nuovo limite per la birra è di 16 litri. In generale il valore monetario massimo di merce che è possibile importare passa da 175 a 430 euro, per chi viaggia per via aerea o via mare e a 300 euro per chi si sposta via terra o per vie navigabili interne. Le tasse e i diritti di dogana verranno applicati soltanto al valore delle merci che oltrepassano queste soglie.

Sono alcune delle nuove regole sul duty free e sui diritti di dogana per l’importazione di alcuni beni, che entrano in vigore oggi nell’Unione europea. Per quanto riguarda i prodotti derivati dal tabacco, gli Stati membri possono decidere di ridurre i limiti quantitativi per finanziare le loro politiche di salute pubblica. Per le sigarette, ad esempio si può passare da 200 a 40.

Limiti nuovi anche per il carburante: per tutti i mezzi di trasporto motorizzati è possibile importare la quantità di carburante contenuta nella normale riserva del veicolo, più una quantità che non oltrepassi i 10 litri, in bidone.

"L’entrata in vigore di questi nuovi limiti nell’ambito delle franchigie applicabili ai viaggiatori è una buona notizia per i viaggiatori europei – ha dichiarato il Commissario Ue responsabile dell’unione doganiera, Laszlo Kovacs – molte vecchie regole, in vigore dal 1969, non rispondono più ai bisogni attuali. A partire da oggi i cittadini che importano nell’Ue alcune merci, che mettono nel proprio bagaglio personale, beneficeranno di un limite monetario che si è più che duplicato e di una soglia quantitativa più vantaggiosa per quanto riguarda le bevande. E grazie all’innalzamento della soglia monetaria, i costi amministrativi legati ai diritti e alle tasse d’importazione di basso apporto, che attualmente sono sostenuti dagli Stati membri, vengono soppressi".

Comments are closed.