FISCO. Multe a Roma, MDC: “L’Assessore Leo ricatta i cittadini”

Venerdì scorso il Movimento Difesa del Cittadino era intervenuto a difesa dei cittadini romani che hanno ricevuto gli "inviti" di Equitalia ad aderire all’iniziativa del Comune di Roma di riduzione delle sanzioni amministrative per i debiti per le multe comminate entro il 2004. Secondo MDC "le multe potrebbero essere nulle per prescrizione, essendo trascorsi oltre 5 anni dalle notifiche"; per questo l’Associazione dei consumatori ha chiesto al Comune di Roma "di prorogare al 30 giugno la possibilità di usufruire dell’agevolazione, per permettere ai cittadini di verificare con calma la loro situazione di possibili debitori o di non esserlo per prescrizione, e anche per evitare file allucinanti agli sportelli Equitalia, già normalmente di ore nei giorni di pagamenti ordinari".

Ma l’Assessore al Bilancio e allo Sviluppo economico, Maurizio Leo, ha risposto con una sorta di ricatto al cittadino: "Paga subito o altrimenti pagherai di più!". Il Movimento Difesa del Cittadino ha quindi ricordato all’Assessore che "i giudici di pace hanno cataste di ricorsi per multe prescritte o già pagate e, invece, richieste nuovamente da Equitalia".

"Quanto al consiglio di verificare sul sito del Comune – continua MDC – l’Assessore non ha capito che non si tratta di chiedere copia della lettera o del bollettino di pagamento, ma di poter verificare se si è tenuti o no al pagamento. E per questo ci vuole tempo, bisogna richiedere tutta la documentazione delle notifiche fatte o meno. Inoltre, l’assessore evidentemente non è mai stato negli uffici comunali e di Equitalia, non conosce le ore di attesa che i cittadini sono costretti a fare e quindi in ogni caso potrebbero farlo entro lunedì solo qualche centinaio di persone e non le migliaia e migliaia che hanno ricevuto già la lettera di invito al pagamento. Il mancato rinvio della scadenza richiesto dal Movimento Difesa del Cittadino è un atto di saccente arroganza".

Comments are closed.