FISCO. Patto antievasione fra Agenzia Entrate, Ifes e Anci

Un patto a tre contro l’evasione fiscale, con l’obiettivo di dare una nuova spinta alla partecipazione degli enti locali. Il Protocollo d’intesa biennale è stato firmato oggi da Agenzia delle Entrate, Anci (Associazione nazionale dei comuni italiani) e Ifel (Istituto per la finanza e l’economia locale), realizzato con il coordinamento della Presidenza del Consiglio dei Ministri: l’accordo prevede un team di esperti antievasione, formazione del personale, check list di segnalazioni mirate per evidenziare comportamenti potenzialmente evasivi e il monitoraggio dei risultati dell’azione segnaletica dei Comuni.

L’intesa prevede dunque di "definire una check list di fatti, elementi e informazioni che aiutino a predisporre segnalazioni qualificate direttamente utilizzabili per evidenziare comportamenti potenzialmente elusivi o evasivi". L’Agenzia delle Entrate realizzerà corsi di formazione per il personale comunale e verranno realizzati focus sulle potenzialità del web. A lavoro ci sarà un team antievasione di otto esperti, provenienti per metà da Anci ed Ifel e per l’altra metà dall’Agenzia delle Entrate, rispettivamente specializzati nei processi di verifica e accertamento comunale ed erariale, banche dati e informatica, che contribuirà a definire le linee guida per raggiungere gli obiettivi dell’intesa.

Comments are closed.