FISCO. Torino, Comune e Agenzia Entrate insieme contro l’evasione

Parte dal contrasto agli affitti in nero e alle residenze fittizie all’estero la collaborazione tra il comune di Torino e l’Agenzia delle Entrate nella lotta all’evasione. E’ stato siglato, questa mattina, nel capoluogo piemontese, il primo protocollo d’intesa in Italia sulla compartecipazione dei comuni alla lotta all’evasione fiscale. L’accordo siglato a Torino, dall’assessore al bilancio Gianguido Passoni, e dal direttore regionale dell’Agenzia, Gianni Giammarino, disciplina le modalità operative della partecipazione del capoluogo piemontese alla lotta all’evasione. Una partecipazione che porterà nelle casse del Comune una quota pari al 30% delle somme recuperate a titolo definitivo a seguito di segnalazioni qualificate che abbiano garantito il buon esito dell’accertamento fiscale.

ll primo settore di intervento, oggetto di una specifica convenzione riguarderà gli ambiti di competenza della polizia municipale. Si punterà innanzitutto sul contrasto agli affitti in nero, grazie ad un questionario che la polizia municipale utilizzerà negli ordinari controlli sul territorio, finalizzato ad acquisire le informazioni di interesse dell’Agenzia delle Entrate per l’espletamento delle attività di controllo fiscale. Inoltre la polizia municipale segnalerà alla Direzione regionale eventuali situazioni sintomatiche di evasione fiscale riguardanti le proprietà edilizie ed il patrimonio immobiliare di particolari categorie di contribuenti. L’accordo prevede anche interventi specifici per smascherare le residenze fittizie all’estero, il commercio abusivo e il possesso di beni di lusso rilevanti di capacità contributiva superiore a quella dichiarata. Seguiranno, in futuro, altri accordi specifici che riguarderanno altri settori di interesse comune.

Comments are closed.