FISCO. Ue chiude procedura, notifiche consegnate direttamente all’indirizzo estero

BRUXELLES- La Commissione europea ha chiuso la procedura d’infrazione nei confronti dell’Italia relativa alla modalità di notifica degli atti fiscali alle persone non residenti, esprimendo apprezzamento per le modifiche apportate. Con un provvedimento legislativo dell’agosto 2006, l’Italia ha infatti modificato la procedura per notificare gli atti fiscali permettendo alle persone residenti all’estero di ricevere le notifiche direttamente al loro indirizzo legale estero.

La normativa precedente prevedeva invece la pubblicazione di un avviso sull’Albo pretorio comunale del comune nel quale doveva essere eseguita la notifica e il termine per il ricorso scadeva dopo soli otto giorni, a differenza di quanto avveniva per le persone residenti che ricevevano la notifica al proprio indirizzo.

La Commissione aveva inviato una lettera di messa in mora all’Italia perché riteneva che le norme precedenti violassero il principio di non discriminazione in base alla nazionalità e imponessero restrizioni alla libertà di circolazione e alla libertà di stabilimento.

FONTE: http://ec.europa.eu/taxation_customs/common/infringements/infringement_cases/bycountry/index_en.htm#Italy

 

 

Comments are closed.