FORUM PA. Il rapporto tra le banche e la PA deve seguire l’innovazione

Il bilancio del rapporto tra le banche e la PA in Italia è sicuramente migliorato negli anni, ma la strada è ancora lunga e ognuno ha dei compiti da svolgere, soprattutto in un’Italia che va sempre di più verso un mercato unico europeo, anche dei pagamenti, e sempre più verso il federalismo fiscale.

E’ quanto è emerso dal convegno che si è svolto oggi presso il Forum PA, dal titolo "Banche e PA: una partnership che cresce". "Quando si parla di Pubblica Amministrazione si pensa spesso ad un soggetto unico e coordinato, ma non è così – ha spiegato Domenico Santecca, il Direttore Centrale responsabile dell’Area Corporate dell’Abi, l’Associazione bancaria italiana – Gli enti sono oltre 10milae, anche loro, sono sottoposti ad un forte cambiamento".

Santecca ha parlato del rapporto tra le banche e la PA che, principalmente, si esplica su due linee: la gestione dei pagamenti e il finanziamento. "Queste però non devono essere le uniche funzioni che caratterizzano il rapporto banca-PA se si vuole avere un rapporto di qualità – ha detto Santecca – è molto importante anche il rapporto di consulenza che deve essere improntato ad una logica di partnership, sempre, però, con un occhio all’innovazione. Per non parlare delle infrastrutture, che sono fondamentali nel rapporto triangolare banca-ente-cittadino".

Domenico Santecca ha detto che i sistemi di pagamento delle banche italiane stanno seguendo le principali sfide innovative, da internet al mercato unico europeo, e che anche la PA deve fare il suo. "Non si può non pensare ad una rimodulazione del debito e ad una riduzione dei ritardi dei pagamenti – ha dichiarato Santecca – nel tempo si sono accumulati oltre 50 miliardi di euro di debiti non pagati e credo che per migliorare il rapporto tra banche e PA si dovrebbe cercare di eliminare questo ritardo".

E allora le linee da seguire sono quelle della dematerializzazione e dell’interconnessione tra le varie infrastrutture, sempre sulla strada dell’innovazione.

Comments are closed.