Famiglie povere per forte carico spesa sanitaria privata

Famiglie sempre più povere per il forte carico della spesa sanitaria privata. Il quarto Rapporto Ceis conferma la presenza nel nostro Paese da un lato le famiglie che impoveriscono e dall’altro quelle che sostengono spese eccessive a causa di eventi improvvisi e gravi. Secondo le stime la presenza di un over 65 in famiglia aumenta di circa il 42% la probabilità di impoverimento; la presenza di due o più anziani raddoppia questo rischio. A incidere di più sono la spesa per farmaci e la specialistica, ma anche l’odontoiatria e le cure per i malati cronici care.

L’attuale regime di compartecipazione ed esenzioni, secondo lo studio, non è equilibrato: il meccanismo della quota fissa per ricetta per coloro che non godono delle esenzione pesa nelle fasce più povere, anche a causa di una unica soglia di reddito familiare (intorno a 36mila euro annui, che crea disparità fra chi di poco supera o sta sotto del tetto di reddito.

La distribuzione dei poveri varia nelle regioni, dal nord al sud: si va dal 3,4% in Emilia Romagna e dal 3,6% in Lombardia, fino al 27,6% in Basilicata e al 29, 6% in Sicilia. La palma della Regione con la minor presenza di ‘impoveriti’ va al Friuli Venezia Giulia con solo lo 0,3%. Fanalino di coda è la Calabria, dove la percentuale è del 2,6%. Nella classifica regionale delle famiglie che sostengono spese catastrofiche la minor incidenza si registra nuovamente in Friuli Venezia Giulia (1,9%) e la maggiore in Calabria (10,2%).

Comments are closed.