Forum PA, si inizia

S’inaugura oggi alla Nuova Fiera di Roma la XVIII edizione di Forum P.A., la principale manifestazione fieristica e congressuale interamente dedicata alla Pubblica Amministrazione e ai processi d’innovazione per migliorare la qualità dei servizi a cittadini e imprese. Fino a venerdì 25 maggio l’appuntamento è in Fiera per confrontarsi su temi e problemi della riforma amministrativa in atto, ma soprattutto per presentare le novità tecnologiche che sempre di più facilitano il rapporto tra cittadini e pubblica amministrazione. Ma non solo, Forum PA si propone come la più grande vetrina delle eccellenze dove le "buone pratiche" di amministrazioni centrali, regionali, provinciali e comunali si metteranno in mostra.

Molte le novità previste in questa edizione. Finalmente viene presentata una Pubblica Amministrazione che non affianchi il vecchio al nuovo ma ripensi radicalmente i processi sulla base dell’innovazione tecnologica e organizzativa e dell’utilizzo ottimale delle risorse umane, in sintesi, una PA concepita come un "progetto-paese". Moltissime le ricerche e gli studi inediti che verranno presentati, nell’arco di questi cinque giorni, riguardanti i più ampi settori della pubblica amministrazione. Le amministrazioni, anche quest’anno, hanno l’occasione di mostrare e mettere a confronto i propri progetti partecipando ai tradizionali premi: "P.A. Aperta", "Qualità in Sanità", "Regionando", "Sfide", e due novità assolute "Esperienze di promozione attiva delle pari opportunità nella pubblica amministrazione", cui vengono dedicati tre giorni di approfondimento e il "Premio best practice patrimoni".

Concordi sulla necessità di innovare per crescere, le autorità intervenute al convegno inaugurale si sono distinte come interlocutori privilegiati del cambiamento. Se, da un lato, Andrea Mondello, presidente di Unioncamere, è convinto che una nuova PA deve creare le condizioni perché le piccole imprese diventino medie e grandi imprese, in grado di competere sui mercati internazionali, dall’altro Angelo Michele Iorio, presidente della Regione Molise, sostiene che l’attenzione principale deve rivolgersi al cittadino.

I saluti del sindaco di Roma, Walter Veltroni, hanno preceduto gli interventi del Ministero Nicolais e del Premier Romano Prodi. Il primo cittadino del Campidoglio ha dato merito al governo di lavorare per rendere la PA in sintonia con il tempo che passa, e ha invitato lo stesso a lavorare seguendo due direttrici: tecnologie e semplificazione. "Le tecnologie – ha detto il sindaco – servono per semplificare le procedure e rendere più facile la vita ai cittadini".

L’intervento al convegno inaugurale è stata l’occasione per il ministro per le Riforme e l’Innovazione nella Pa Luigi Nicolais per fare il punto del lavoro svolto fino a oggi dal Governo: "Non c’è dubbio – ha detto Nicolais – il paese ha bisogno di un cambiamento. Una Pubblica Amministrazione efficiente e competitiva significa avere un Paese efficiente e competitivo".

Anche il Premier Prodi ha ritenuto necessario cambiare. Egli ha incentrato il suo intervento sulla necessità di valorizzare il lavoro del pubblico impiego nella Pubblica Amministrazione e della sua qualità: "Basta con la divisione in due mondi, pubblico e privato; basta con l’immagine dell’impiegato pubblico fannullone. Occorre sempre più innovare in questa direzione, gli errori (esempio malasanità) ci sono stati, ci sono e ci saranno, ma non sono l’esempio di una Pubblica Amministrazione che invece funziona. Se generalizziamo, diamo un cattivo messaggio ai giovani".

Comments are closed.