GIUSTIZIA. Arriva il portale europeo della giustizia elettronica

Da oggi l’accesso alla giustizia transnazionale sarà più semplice e veloce. L’Unione Europea ha infatti lanciato il portale europeo della giustizia elettronica, uno sportello unico online, in 22 lingue diverse, per accedere alla giustizia in tutta l’UE. Con oltre 12.000 pagine di contenuti, la prima versione fornisce informazioni e link sulle leggi e sulle prassi di tutti gli Stati membri (ad esempio, informazioni sul patrocinio a spese dello Stato, sulla formazione giudiziaria e sulla videoconferenza, e link a banche dati giuridiche e a registri fallimentari e immobiliari online).

Gli oltre 10 milioni di cittadini coinvolti ogni anno in procedimenti giudiziari transnazionali avranno tutte le informazioni sul funzionamento dei sistemi giuridici dei 27 Stati membri; dalle questioni di vita quotidiana, come divorzio, decesso, liti o trasloco, alla possibilità di trovare un avvocato quando si è all’estero, dalla mediazione alle regole sul diritto nazionale.

Inoltre il portale sarà uno strumento utile per avvocati, notai e magistrati, che possono accedere a banche dati giuridiche, contattare colleghi tramite le reti giudiziarie o trovare informazioni sulla formazione giudiziaria o sulle videoconferenze transnazionali; e le imprese troveranno link ai registri fallimentari e immobiliari e informazioni sulla legge applicabile ai procedimenti transfrontalieri.

"Grazie al portale, la giustizia è a portata di mouse. Quello di oggi è un grande passo che permetterà di avvicinare i cittadini europei alla giustizia e di diffondere una maggiore conoscenza reciproca dei sistemi giuridici dei singoli Stati – ha affermato la vicepresidente Viviane Reding, commissaria responsabile del portafoglio Giustizia, diritti fondamentali e cittadinanza – La conoscenza genera fiducia e la fiducia infonde a sua volta la certezza che i nostri diritti saranno tutelati ovunque in Europa. Il portale è un vero e proprio sportello unico online rivolto ai cittadini, alle imprese e al mondo giuridico e contribuirà in ultima istanza a modernizzare e a semplificare la comunicazione e la consulenza su questioni giuridiche. I cittadini troveranno, nella propria lingua, risposte immediate ai propri quesiti. Sappiamo tutti quanto ciò sia fondamentale, perché una giustizia lenta è una giustizia negata".

 

Comments are closed.