GIUSTIZIA. Conciliazioni, Consumatori e Aziende si confrontano sulla riforma forense

Giù le mani dalla conciliazione: non può e non deve essere un’esclusiva degli avvocati. Le associazioni dei consumatori e le aziende dicono no all’art.60 della legge delega 69/2009 sulla riforma della professione forense, che assegna di fatto agli avvocati il compito di dirimere le controversie in materia di consumo, oggi affidata con successo alla libera contrattazione delle parti. Di questo si parlerà durante un incontro promosso da Consumers’ Forum lunedì 19 ottobre alle ore 14 presso il centro congressi in via dei Frentani.

"Qualora la legge entrasse in vigore, ne deriverebbe un’imposizione di oneri a carico di cittadini e imprese e quindi una negazione della giustizia, soprattutto per le cause minori, per i consumatori e utenti che volessero fare valere i propri diritti nei confronti delle aziende", spiega Sergio Veroli, presidente di Consumers’ Forum che aggiunge: "Una legge illiberale, che annulla 20 anni di esperienza di conciliazione, assegna quest’attività in monopolio a figure professionali terze, favorendole ingiustamente. Il ricorso agli avvocati, oltre ad essere oneroso, affossa il principio dell’autonomia negoziale delle parti e finirà per gravare sulla giustizia ordinaria".

Comments are closed.