GIUSTIZIA. Corte Costituzionale boccia Legge Pecorella: si ritorna ai tre gradi di giudizio

La Corte costituzionale, riunita in camera di consiglio, ha decretato l’incostituzionalità degli artt. 1 e 10 della Legge Pecorella che, a partire dalla primavera scorsa, aveva eliminato il ricorso in appello della pubblica accusa dopo le sentenze di proscioglimento di primo grado. Il primo articolo escludeva che il pubblico ministero potesse proporre appello contro le sentenze di proscioglimento in primo grado, mentre il secondo, la norma transitoria, ha impedito il ricorso proposto dall’accusa anche per le sentenze di proscioglimento pronunciate prima del 9 maggio 2006, la data di entrata in vigore della legge. Da oggi, dunque, si torna al vecchio sistema dei tre gradi di giudizio simmetricamente accessibili per iniziativa della difesa o dell’accusa.

Comments are closed.