GIUSTIZIA. Crollo San Giuliano, pena ridotta agli imputati. Commento di Cittadinanzattiva

Ieri la Corte d’Appello di Salerno ha ridotto le pene agli imputati condannati per il crollo della scuola di San Giuliano di Puglia (Campobasso), in cui morirono 27 bambini e una maestra. Amaro il commento di Adriana Bizzarri, Responsabile scuola di Cittadinanzattiva: "La riduzione della pena e l’annullamento dell’interdizione perpetua dai pubblici uffici dei quattro imputati testimonia di quanto poco conti la vita umana, quella di 27 bambini e della loro maestra".

"In attesa di conoscere le motivazioni della sentenza – aggiunge Bizzarri – siamo perplessi per la decisione e preoccupati per il messaggio pericoloso che può uscire dalla decisione dei giudici, in quanto sembra confermare che l’irresponsabilità professionale e la mancanza di etica sul lavoro, soprattutto nelle opere pubbliche, non siano poi così importanti. Soprattutto, ribadisce come nel nostro Paese se si continua a costruire o ad intervenire sugli edifici nel totale disprezzo delle leggi vigenti, come a S, Giuliano, Rivoli, L’Aquila, non importa: la giustizia italiana è clemente con i colpevoli ma impietosa e ingiusta con le vittime". "E ciò – conclude Adriana Bizzarri – non fa che confermare quanto ci denunciano i cittadini in tema di giustizia: nei soli procedimenti amministrativi, al primo posto figurano proprio problematiche attinenti l’edilizia e lo sviluppo urbanistico in generale.

 

Comments are closed.