GIUSTIZIA. I Commercialisti di Catania costituiscono organismo di conciliazione

L’Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Catania ha costituito un proprio organismo di conciliazione. Lo ha annunciato il suo presidente Margherita Poselli, ieri durante il convegno sulla mediazione civile, che dal 20 marzo diventerà obbligatoria. "Cento dei nostri iscritti possiedono già il titolo di mediatore, come risulta dagli elenchi della Camera arbitrale di Catania – ha dichiarato Poselli – la nostra categoria non solo non ha alcun interesse ad alimentare le liti, ma è già abituata a intervenire nei vari conflitti interpersonali che si incontrano spesso nel normale svolgimento della professione. Questo nuovo istituto di negoziazione dunque rappresenta un’ulteriore opportunità di lavoro e darà certamente un contributo per alleggerire il pesante fardello di cause civili che si abbatte sui nostri Tribunali".

Ad accogliere positivamente la mediazione civile è l’intera categoria dei commercialisti, come ha sottolineato il Consigliere e delegato alle Funzioni giudiziarie del Consiglio nazionale dei Commercialisti (Cndcec) Felice Ruscetta: "Eccetto le controversie in materia di condomino e di assicurazioni per incidenti stradali, che con il decreto Milleproroghe avranno l’obbligo della mediazione a partire da marzo 2012, la maggior parte degli altri settori interessati prevede un forte coinvolgimento dei nostri professionisti". Ruscetta ha elencato le iniziative già messe in campo a supporto degli Ordini nella fase di cambiamento: "la costituzione della Fondazione Adr (Alternative Dispute Resolution) Commercialisti e di un tavolo tecnico con prestigiosi enti di formazione, una task force per il tutoraggio nel territorio, l’adozione di un software per la gestione degli organismi, la stesura di un regolamento e di un codice etico, la realizzazione di un sito e di una community web per facilitare la comunicazione tra i professionisti attraverso le nuove tecnologie".

 

 

Comments are closed.