GIUSTIZIA. Mediazione, Alpa (Cnf) al Ministero: “Rinviare entrata in vigore”

Il presidente del Consiglio nazionale forense ha inviato una lettera al Ministero di Giustizia in cui chiede il rinvio dell’entrata in vigore della mediazione e conciliazione. Come informa il sito internet del Cnf, "il presidente Guido Alpa ha provveduto ad inviare al Ministero della giustizia una lettera avente ad oggetto la richiesta del rinvio dell’entrata in vigore della mediazione e conciliazione", condividendo dunque gli emendamenti presentati in questa direzione.

Prosegue la nota: "Preso atto che non sono disponibili le aule presso i Tribunali, non sono reclutabili i conciliatori nel numero e con la professionalità richiesta, e a causa delle difficoltà sollevate dalle compagnie di assicurazione non si è potuto ancora assicurare i rischi della nuova attività, il Cnf chiede al Governo di condividere gli emendamenti presentati da esponenti della maggioranza e della minoranza in cui si prevede di rinviare di un anno l’operatività del sistema. Apprezza l’idea di ridurre l’impatto della mediazione obbligatoria per i due settori nei quali si registra il maggior contenzioso (condominio e circolazione stradale), e tuttavia di fronte a questa oggettiva situazione di difficoltà, alla quale non si è ancora potuto porre rimedio, esclude che allo stato l’idea sia praticabile, in quanto i problemi sopra segnalati, permarrebbero comunque per i settori in cui la mediazione fosse attivata".

Comments are closed.