GIUSTIZIA. Movimento Consumatori si rivolge alla Corte europea dei diritti dell’uomo

Il Movimento Consumatori ricorrerà alla Corte europea dei diritti dell’uomo per denunciare "la violazione sistematica del diritto dei cittadini ad un equo processo entro tempi ragionevoli". È quanto ha annunciato l’associazione in occasione della VI Giornata europea della giustizia civile che si è svolta il 25 ottobre.

"Il Movimento Consumatori – si legge in una nota – denuncia la scarsa utilità della miniriforma del processo civile, attualmente all’esame del Parlamento, che, come previsto (ottimisticamente) dal Ministero della Giustizia, potrebbe portare ad un aumento di produttività del 10%. La situazione, in realtà, è ormai disastrosa e non potrà trovare sbocchi positivi fino a quando non si avrà il coraggio di abbattere privilegi e combattere inefficienze, approntando una seria e concreta riforma organica della giustizia civile che non può prescindere, peraltro, dalla copertura dei posti vacanti del personale amministrativo e giudiziario". L’associazione ha inoltre messo a disposizione un numero verde (800178950) e il proprio sito web per dare informazioni sul diritto al risarcimento dei danni legati all’eccessiva durata dei processi.

Comments are closed.