GIUSTIZIA. Reggio Emilia, tavolo permanente tra Camera di Commercio e AACC

Un tavolo permanente di lavoro tra le Associazioni dei consumatori e la Camera di Commercio. E’ quanto prevede il protocollo di intesa sottoscritto ieri tra la Camera di commercio di Reggio Emilia e Confconsumatori, Federconsumatori e Adiconsum. Si tratta di uno dei primi esempi del genere in Italia e ha due principali obiettivi: coordinare e promuovere azioni in tema di giustizia alternativa; individuare progetti di informazione e formazione sui diritti dei consumatori, indirizzati a singoli cittadini o a imprese.

Per quanto riguarda la conciliazione, che dovrebbe diventare obbligatoria per molti settori da marzo 2011, la Camera di Commercio e le Associazioni dei consumatori si dovranno attrezzare perché si prevede che almeno l’80% dei procedimenti civili che oggi finiscono nei tribunali, dovranno prima transitare nelle Camere di commercio.

Sulla formazione, l’attenzione sarà focalizzata sul controllo di qualità, sulla provenienza e sulla sicurezza dei beni di largo consumo, a cui si lega la qualità dei servizi di pubblica utilità, le truffe e i raggiri rispetto ai servizi pubblici e alla gestione del risparmio. In particolare la liberalizzazione nella fornitura dei servizi come luce, gas e acqua, telefonia, rappresentano la nuova emergenza perché con i cosiddetti contratti multipli sono fronte di truffe e raggiri soprattutto a danno degli anziani.

Il tavolo permanente si avvarrà di azioni di monitoraggio dei fenomeni che interessano i consumatori, promozione di studi e ricerche, azioni di sostegno alla presenza territoriale delle Associazioni dei consumatori per garantire la tutela delle fasce di popolazione più deboli e più in generale la realizzazione di iniziative rivolte a tutte la parti sociali per favorire l’uso e l’accesso alla giustizia alternativa.

Comments are closed.