GIUSTIZIA. UE, al via consultazione pubblica sulle azioni risarcitorie collettive europee

Al via la consultazione pubblica sulle azioni di classe in Europa. L’iniziativa è stata lanciata oggi dalla Commissione Europea che invita tutti i soggetti interessati a dare il loro contributo, entro aprile 2011, per identificare alcuni principi giuridici comuni che devono essere alla base delle azioni di classe in tutta l’UE. Attualmente la legge europea già prevede la possibilità di esercitare azioni collettive inibitorie in materia di diritto dei consumatori, ma i sistemi giuridici nazionali variano notevolmente in materia di mercati finanziari, di concorrenza, di tutela dell’ambiente ed altri settori del diritto. E la situazione è ancora più complicata se si tiene conto delle differenze tra un Paese e l’altro rispetto alle richieste di risarcimento collettive, quando cioè sono più consumatori o più aziende a voler chiedere il risarcimento per uno stesso danno.

Il Beuc, l’Associazione europea dei consumatori, accoglie con soddisfazione l’iniziativa della Commissione Europea e ricorda che attualmente in 14 Stati membri ci sono normative sulle azioni di risarcimento collettive. "E’ uno strumento che permette un allargato accesso alla giustizia e un risarcimento appropriato oltre che rispondere a numerosi scenari, dalle pratiche scorrette delle compagnie aeree e di quelle telefoniche, alle informazioni finanziarie ingannevoli alle medicine dannose. La mancanza di risarcimento – scrive il Beuc in una nota – è la principale scappatoia, in un sistema legale, per permettere profitti illegali alle imprese. Nell’Unione Europea si stima che i danni non risarciti ammontino a più di 20 miliardi di euro all’anno. Questa situazione è inaccettabile non soltanto dal punto di vista delle vittime, ma anche da quello delle imprese poiché impone condizioni di mercato scorrette e disuguali". Per questo il Beuc crede che l’introduzione delle azioni collettive di risarcimento sarebbe utile non soltanto ai consumatori, ma anche alle imprese.

Comments are closed.