GOVERNO. Camera approva ddl sviluppo. La parola al Senato

La Camera dei Deputati ha approvato questa mattina il ddl sviluppo che ora passa al Senato per la quarta lettura. Il Disegno di legge Sviluppo contiene norme fondamentali per il Paese, per le imprese e per i cittadini, come il consistente pacchetto di norme in materia di energia per porre rimedio agli storici squilibri ed ai ritardi del nostro Paese: dagli interventi di semplificazione delle procedure e di potenziamento delle infrastrutture energetiche, allo sviluppo delle fonti rinnovabili e alla promozione dell’efficienza energetica, fino al rilancio dell’opzione nucleare.

Con la disciplina sulle ‘reti di impresa’, il provvedimento punta a favorire l’integrazione e la competitività del piccole aziende attraverso nuovi modelli di aggregazione che prevedono agevolazioni fiscali, finanziarie e amministrative e che prescindono dai tradizionali vincoli territoriali dei distretti. Il Ddl Sviluppo introduce poi la class action e norme sulla trasparenza nell’offerta dei servizi energetici e di telecomunicazioni per aumentare le tutele dei consumatori. Per potenziare le politiche di internazionalizzazione si prevede la riforma degli enti dedicati e il rafforzamento della lotta alla contraffazione e della tutela della proprietà industriale per proteggere il Made in Italy nel mondo. Non meno importanti le riforme dei Consorzi agrari, delle Camere di commercio e l’introduzione di una legge annuale per il mercato e la concorrenza.

Comments are closed.