GOVERNO. CdM approva ddl per riorganizzazione del Servizio civile nazionale

Il Consiglio dei Ministri ha approvato un disegno di legge che delega al Governo la riorganizzazione del Servizio civile nazionale. È quanto si legge nella nota ufficiale del CdM. Il ddl "delega il Governo alla redazione di un testo unico in materia di Servizio civile nazionale per riorganizzare ed aggiornare la normativa esistente alla luce del definitivo chiarimento operato dalla Corte Costituzionale nel 2004 circa il significato del principio costituzionale di difesa della Patria, definito perseguibile anche con attività di impegno sociale non armato".

La nota sottolinea che il Servizio civile nazionale è cambiato negli ultimi anni e dunque la normativa ha la necessità di prendere atto di "nuove esigenze": "ripartire adeguatamente la materia fra i livelli di governo statale, regionale e provinciale; delineare lo status dei giovani impegnati nel servizio; rivedere l’orario articolandone la durata; il tutto al fine di stimolare i giovani ad avvalersi di questo strumento formativo per la persona e di ausilio sociale e civile". Il sottosegretario Giovanardi, che ha redatto il ddl, "ha sottolineato – prosegue la nota – l’importanza di incentivare le domande di accesso anche nelle aree del Paese dove minore è la diffusione del Servizio; la distribuzione territoriale, infatti, risulta più carente nel Nord e pertanto il disegno di legge propone la mobilità interregionale da attivare in caso di carenza di domande per la partecipazione a progetti da realizzarsi in determinate aree. Migliorerà il sistema di accreditamento degli enti e di valutazione dei progetti su cui impegnare i giovani e verranno individuati criteri di priorità per quelli finalizzati all’assistenza a categorie di persone particolarmente svantaggiate".

Nel CdM è stato inoltre approvato uno schema di decreto legislativo "che consente all’Italia di conformarsi all’indirizzo europeo in materia di sostanze fertilizzanti; si tratta di un provvedimento che sostituisce la normativa attualmente in vigore in materia di concimi convenzionali e biologici specificandone limiti di tolleranza e tariffe, modalità di immissione sul mercato e di controllo, nonché un nuovo sistema sanzionatorio per le inadempienze. Sul testo esprimeranno parere le Commissioni parlamentari". È stato inoltre dichiarato lo stato di emergenza per Friuli-Venezia Giulia e Lombardia, per gli eventi meteo di dicembre.

Comments are closed.