GOVERNO. CdM: ecco le linee guida del piano per l’edilizia

Si potrà aumentare del 20% il volume delle case mono e bifamiliari e di cubature non superiore ai mille metri, e del 35% il volume di edifici residenziali sottoposti a interventi di demolizione e ricostruzione. Esclusi i centri storici e gli edifici abusivi. Un prossimo decreto legge rimuoverà alcuni vincoli d’intesa con le Regioni. Sono le linee del piano per l’edilizia secondo l’intesa raggiunta fra Governo ed enti territoriali. Oggi il piano è stato portato in Consiglio dei Ministri: quest’ultimo "ha definito le linee su cui si muoverà l’intervento congiunto dello Stato, delle Regioni e dei Comuni sulla questione del piano-casa".

L’intesa prevede, comunica il Governo, "che le Regioni approvino nel termine di tre mesi proprie leggi per disciplinare interventi volti a migliorare la qualità architettonica ed il risparmio energetico, entro il limite del venti per cento della volumetria esistente, di edifici residenziali uni-bifamiliari o comunque di cubatura non superiore a 1000 metri; le leggi regionali disciplineranno altresì interventi straordinari di demolizione e ricostruzione, con ampliamento per edifici a destinazione residenziale entro il limite del trentacinque per cento della volumetria esistente, al fine di migliorarne qualità architettonica ed efficienza energetica, nonché di utilizzare energie rinnovabili. Saranno esclusi da questi interventi tutti gli edifici abusivi ed i centri storici, nonché altre aree che le Regioni riterranno opportuno rendere inalterabili".

Ci sarà inoltre un prossimo decreto legge che "al fine di velocizzare e semplificare le procedure rimuoverà, ove possibile ed opportuno (nonché d’intesa con le Regioni), i vincoli superabili".

Nuovi interventi di politica abitativa saranno oggetto di indagine. "Il Governo avvierà in sinergia con Regioni ed autonomie locali – informa il CdM – uno studio per un ulteriore intervento di politica abitativa teso a soddisfare il fabbisogno di soggetti disagiati che abbiano difficoltà ad accedere al libero mercato degli immobili in affitto. Particolare attenzione, infine, sarà dedicata alla tutela della sicurezza del lavoro nei cantieri".

Comments are closed.