GOVERNO. CdM, i provvedimenti approvati oggi

Via libera del Consiglio dei Ministri al decreto legislativo che disciplina salute e sicurezza sui luoghi di lavoro. Il provvedimento punta a riordinare le numerose disposizioni che sono state emanate nell’arco degli ultimi sessant’anni. Fra le novità più importanti, l’estensione a tutti i precari della piena tutela contro gli incidenti, nuove e pesanti sanzioni per le aziende che non si metteranno in regola e la nascita di nuove figure anti-infortuni. Lo rende noto in un comunicato il Consiglio dei Ministri che questa mattina si è riunito a Palazzo Chigi, sotto la presidenza del Presidente del Consiglio, Romano Prodi.

In apertura dei lavori il Presidente Prodi e il Consiglio dei Ministri hanno espresso la più viva soddisfazione per la designazione della città di Milano quale sede dell’Esposizione Universale del 2015, decisa nella giornata di ieri dall’Assemblea generale del Bureau International des Expositions. Associandosi ai sentimenti di orgoglio espressi dal Capo dallo Stato, il Consiglio ha rivolto il più vivo apprezzamento alla Regione Lombardia, alla Provincia, al Comune di Milano e a quanti hanno concorso alla realizzazione di questo grande progetto, che ribadisce la vitalità del sistema Italia e la capacità della città di Milano di esprimere al meglio la sua potenzialità di centro nevralgico di livello europeo e internazionale. Si tratta di un successo che illustra l’intero Paese e che non deve essere svilito da ipoteche di natura politica.

Il Consiglio ha poi approvato i seguenti provvedimenti:
Su proposta del Presidente del Consiglio, Romano Prodi, e del Ministro dell’interno, Giuliano Amato:un decreto-legge che introduce nell’ordinamento il divieto per gli elettori di portare con sé nella cabina elettorale telefoni cellulari o altri apparecchi idonei a riprodurre o registrare immagini. Sarà il presidente del seggio a chiedere all’elettore di depositare l’apparecchio prima di entrare in cabina e le violazioni saranno punite con l’arresto da tre a sei mesi e l’ammenda da 300 a 1000 euro;

Su proposta del Presidente del Consiglio, Prodi, e del Ministro per le politiche europee, Emma Bonino: un decreto-legge per assicurare in via d’urgenza l’attuazione di obblighi comunitari inderogabili e l’esecuzione di sentenze della Corte di giustizia delle Comunità europee;

Su proposta del Presidente del Consiglio, Prodi, e del Ministro dell’economia e delle finanze, Tommaso Padoa-Schioppa: un decreto-legge che reca disposizioni finanziarie in materia di protezione civile, provvedendo al reintegro, per 48,8 milioni di euro, del fondo per la protezione civile di cui all’art. 1 della legge 225 del 1992 e definisce le modalità di restituzione dei tributi e contributi sospesi in seguito all’evento sismico avvenuto nel settembre 1997 in Umbria e Marche. Inoltre, in attesa della messa a regime della nuova modalità di finanziamento del trasporto ferroviario regionale prevista dalla Legge finanziaria 2008, è autorizzata la spesa di 80 milioni di euro per assicurare la continuità del servizio, in coerenza con le linee emerse nel Tavolo interministeriale;

Su proposta del Ministro del lavoro e della previdenza sociale, Cesare Damiano, del Ministro della salute, Livia Turco, del Ministro delle infrastrutture, Antonio Di Pietro, e del Ministro dello sviluppo economico, Pierluigi Bersani: un decreto legislativo che dà attuazione definitiva, acquisiti i pareri della Conferenza Stato-Regioni e delle Commissioni parlamentari, alla delega conferita al Governo dalla legge n. 123 del 2007 in materia di tutela della salute e della sicurezza dei luoghi di lavoro. Tra i punti salienti, l’istituzione di organismi interministeriali di indirizzo politico, consultivi e di coordinamento con enti pubblici che hanno compiti di prevenzione, formazione, vigilanza, salute e sicurezza del lavoro; l’individuazione degli obblighi di datori di lavoro e dirigenti nonché dei requisiti della delega di funzioni; l’individuazione degli obblighi e delle responsabilità che gravano sui vari soggetti coinvolti nel processo di produzione; la definizione dell’oggetto e delle modalità di valutazione del rischio; la regolamentazione della protezione e prevenzione del rischio; l’obbligo del datore di lavoro alla formazione, informazione e addestramento del lavoratore; titoli e requisiti del medico competente alla sorveglianza sanitaria; le disposizioni in materia di intervento per emergenza, pronto soccorso, prevenzione degli incendi; le modalità di consultazione e partecipazione dei rappresentanti dei lavoratori; le statistiche degli infortuni e delle malattie professionali; il nuovo apparato sanzionatorio;

Su proposta del Ministro per le politiche europee, Bonino, e del Ministro della salute, Turco:uno schema di decreto legislativo per il recepimento della direttiva comunitaria 2006/121 in materia di classificazione, imballaggio ed etichettatura di sostanze pericolose. Tale direttiva è stata emanata al fine di armonizzare la precedente disciplina comunitaria con il Regolamento (CE) 1907/2006, entrato in vigore il 1° giugno 2007, che ha individuato nuove procedure per la gestione delle sostanze chimiche presenti nel territorio comunitario a partire dal 1° giugno di quest’anno; il provvedimento verrà trasmesso alla Conferenza Stato-Regioni e alle Commissioni parlamentari per il parere prescritto.

Al fine di consentire il completamento delle operazioni di protezione civile in corso, il Consiglio ha prorogato lo stato d’emergenza già dichiarato in relazione alla diffusione di incendi e fenomeni di combustione nell’Italia centro-meridionale.
La seduta ha avuto termine alle ore 12,10.

Comments are closed.