GOVERNO. CdM, presentato il Libro Verde sul futuro del modello sociale

È stato presentato in Consiglio dei Ministri il Libro Verde sul futuro del modello sociale prodotto dal Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche sociali. Con il documento il ministro Maurizio Sacconi, si legge in una nota, "avvia un dibattito pubblico sul futuro del sistema del welfare in Italia, nella speranza di pervenire a soluzioni il più possibile condivise dagli attori istituzionali, politici e sociali". Sarà aperta una consultazione pubblica per tre mesi, fino al 25 ottobre.

Con la prefazione a cura del Ministro, il Libro Verde – prosegue la nota del Ministero – propone una visione del futuro del modello sociale "nella prospettiva della vita buona nella società attiva", un modello, cioè, capace di concorrere alla costruzione della coesione sociale, come è stato individuato dall’Unione Europea con la cosiddetta Strategia di Lisbona.

"La sfida a cui siamo chiamati – si legge nella prefazione – non è solamente economica ma, prima di tutto, progettuale e culturale. Vogliamo riproporre la centralità della persona, in sé e nelle sue proiezioni relazionali a partire dalla famiglia".

Nel volume si legge inoltre come "vari osservatori ipotizzano che al 2050, in assenza di politiche correttive e di riequilibrio, la spesa sanitaria possa più che raddoppiare". "La nostra spesa sociale – prosegue il Libro – si colloca leggermente al di sopra della media dei Paesi OCSE e che la sua composizione è manifestamente squilibrata in favore della spesa pensionistica, che costituisce oltre il 60 per cento della spesa sociale al netto della istruzione". Per incidenza sul PIL, "la spesa pubblica sanitaria in Italia assorbe il 6,8 per cento (1,5 per cento del PIL quella privata): un dato inferiore alla Germania (8,6 per cento), alla Francia (7,4 per cento), alla Svezia (7,9 per cento) e alla media europea (7 per cento)".

LINK. Libro Verde sul futuro del modello sociale

Comments are closed.