GOVERNO. CdM, tutti i provvedimenti. Giuseppe Pecoraro nuovo prefetto di Roma

Sicurezza negli aeroporti, traffico navale, otto decreti di modifica dei Piani stralcio per l’assetto idrogeologico dei bacini idrografici e la nomina del nuovo Prefetto di Roma sono stati al centro dell’odierno Consiglio dei Ministri. Il CdM "ha affrontato il problema della sicurezza negli aeroporti e le connesse difficoltà operative dell’Agenzia nazionale per la sicurezza del volo, che presenta carenza negli organici e problemi di funzionalità – si legge nel comunicato ufficiale – Il Consiglio ha incaricato il Ministro Brunetta di risolvere i predetti problemi". Il Consiglio ha inoltre approvato, su proposta del Ministro dell’interno Roberto Maroni, la nomina a prefetto di Roma di Giuseppe Pecoraro, già Capo del Dipartimento dei vigili del fuoco. Per il prefetto Carlo Mosca, il quale assume l’incarico temporaneo di riorganizzare l’esercizio delle funzioni di rete degli Uffici territoriali del Governo, è stata attivata la procedura di nomina a Consigliere di Stato.

È stato approvato inoltre un decreto legislativo che modifica la normativa di recepimento della direttiva 2002/59 (decreto legislativo n.196 del 2005) in materia di monitoraggio ed informazione sul traffico navale, con l’obiettivo di rendere la disciplina più conforme al dettato comunitario su particolari aspetti, tra cui la responsabilità in solido dei proprietari delle navi, l’installazione di registratori dei dati di viaggio, la riservatezza delle ispezioni. È stato inoltre approvato uno schema di decreto legislativo che disciplina le sanzioni correlate alle violazioni dei diritti, sanciti dal Regolamento comunitario 1107 del 2006, delle persone con disabilità o con mobilità ridotta sui vettori aerei. Il testo verrà trasmesso alle Commissioni parlamentari per il parere.

Sono stati approvati nel corso del CdM due disegni di legge per la ratifica e l’esecuzione dell’Accordo di cooperazione relativo ad un sistema globale di navigazione satellitare civile (GNSS) tra la Comunità europea e l’Ucraina e dell’Accordo fra l’Italia e la Federazione russa sulla cooperazione nella lotta alla criminalità.

È stato dichiarato lo stato di emergenza in Liguria per il maltempo della fine di ottobre e prorogato lo stato d’emergenza già dichiarato nella laguna di Venezia per la rimozione dei sedimenti inquinati nei canali portuali di grande navigazione. Il Consiglio ha inoltre approvato, su proposta del Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare, Stefania Prestigiacomo, otto decreti di modifica di Piani stralcio per l’assetto idrogeologico dei bacini idrografici della Dora Riparia, del delta del Po, della rete minore del Piemonte, del Tanaro, del torrente Chisola, della Dora Baltea, nonché della cartografia del Po (due distinti decreti per le delibere dell’Autorità di bacino adottate nel 2006 e nel 2007).

Comments are closed.