GOVERNO. Dal CdM via libera al ddl sull’immunità alle alte cariche dello Stato

Il Consiglio dei Ministri ha dato il via libera oggi al disegno di legge che prevede l’immunità per le quattro più alte cariche dello Stato – presidenti di Camera e Senato, capo dello Stato e primo ministro. Il ddl prevede la sospensione dei processi penali in corso per le quattro cariche dello Stato. "Pensiamo che possa ottenere una vasta convergenza parlamentare": è quanto ha detto il ministro della Giustizia Angelino Alfano in una conferenza stampa al termine del Consiglio dei Ministri.

"Sono sospesi dalla data di assunzione fino alla cessazione della carica – ha detto il Ministro – i processi penali nei confronti del Presidente della Repubblica, del presidente della Camera, del presidente del Senato e del presidente del Consiglio dei Ministri". La sospensione non impedisce al giudice l’assunzione delle prove non rinviabili. "La prescrizione è sospesa, l’imputato vi può rinunciare. La sospensione non è reiterabile". Si tratta di un atto unico in otto commi dei quali, ha spiegato Alfano, sette di contenuto sostanziale. "Riteniamo – ha detto Alfano – che queste disposizioni siano un valore per la democrazia e siano utili per il buon funzionamento delle istituzioni". "Riteniamo – ha aggiunto Alfano – che non via sia un incrocio con le norme contenute nel decreto sicurezza e non crediamo che durante il dibattito in Aula vi possano essere interferenze derivanti da quanto approvato oggi".

Comments are closed.