GOVERNO. Ddl sviluppo, nessun via libera dal Senato: oggi riprende la discussione

L’Aula di Palazzo Madama ieri non ha votato il via libero definitivo al ddl sviluppo come, invece, era stato anticipato nel pomeriggio di ieri dal Ministro Scajola che aveva già convocato per questa mattina una conferenza stampa per la presentazione dei contenuti del provvedimento. Il Senato ha, infatti, avviato l’esame del ddl n. 1195-B recante disposizioni per lo sviluppo e l’internazionalizzazione delle imprese, nonché in materia di energia. Il provvedimento, collegato alla manovra finanziaria e nato come stralcio dell’ultima legge finanziaria, ha subito, nel corso del lungo iter parlamentare, numerose modifiche nei diversi passaggi nelle Commissioni di merito e in Assemblea.

Fra le norme contenute nel ddl, quelle relative ai distretti produttivi, le misure volte a favorire ricerca, sviluppo e innovazione, le norme di semplificazione amministrativa e fiscale, la disciplina dei consorzi agrari, le norme in materia di società cooperative, di internazionalizzazione delle imprese, per la tutela penale dei diritti di proprietà industriale, per il contrasto della contraffazione; e ancora, iniziative a favore dei consumatori, dell’emittenza locale, misure in tema di energia nucleare e per la sicurezza e il potenziamento del settore energetico, norme per la ridefinizione dei poteri dell’Autorità per l’energia elettrica e il gas, misure per il risparmio energetico, norme istitutive dell’Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile – ENEA, norme in materia di riordino degli enti di ricerca e di innovazione nel settore energetico, misure in tema di carburanti e di trasporto, nonché deleghe al Governo in materia di configurazione giuridica delle reti di imprese, per il riassetto normativo delle prescrizioni e degli adempimenti procedurali applicabili alle imprese e per la riforma della disciplina in materia di camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura.

Esaminati i primi 28 articoli del disegno di legge, il seguito della discussione è stato rinviato a domani.

Comments are closed.