HC IN ABRUZZO. Sisma, Acquasanta: la tendopoli con la scuola, di A. Giordano

Help Consumatori è andata nel campo di Acquasanta, all’interno della città de L’Aquila, a pochi metri dal centro storico. Abbiamo parlato della situazione del campo che ospita 600 sfollati e più di 150 volontari dell’Anpas con la dottoressa Maria Geraci, psicologa dello sviluppo e dell’educazione.

Quando è stato allestito il campo?

Praticamente subito; è stato attrezzato mercoledì e da subito abbiamo accolto persone che sono venute a segnalarsi e continuiamo ad accoglierle tutt’ora da ogni parte de L’Aquila e dintorni. Non stiamo facendo nessuna selezione.

Quali servizi ci sono?

Ci sono servizi educativi e psicologici, c’è il posto medico avanzato, la tenda dei pediatri famiglia, Save the Children che si occupa di tutte le attività ludico-ricreative e psico-sociali e poi abbiamo la struttura protetta per l’infanzia che ha avviato già da quasi una settimana le attività scolastiche non curricolari per la scuola dell’infanzia e quella primaria. Da questa mattina è stata avviata l’attività non curriculare della scuola media. Ieri è stato fatto un protocollo con dirigenti scolastici che ha permesso di prendere in considerazione degli spazi per ospitare i ragazzi che stanno nel campo e anche quelli che vengono da fuori. E’ sicuramente una situazione in continua evoluzione; c’è prima di tutto la necessità di accogliere tutti i docenti che devono prendere servizio. Il pomeriggio poi in relazione a quelle che sono le esigenze Save the Children ha avviato una serie di attività ricreative per la fascia evolutiva di età dai 3 ai 17 anni.

Quanti bambini ci sono in questo campo?

Più o meno 15 dai 3 ai 5 anni; una quindicina tra i 6 e gli 11 anni; una ventina tra i 12 e i 15 e poi ci sono tantissimi ragazzi delle scuole superiori, siamo arrivati a 28, e sono quelli che momentaneamente non hanno nessuna attività scolastica avviata e fanno riferimento a Save the Children che sta cercando di organizzare attività sia la mattina che il pomeriggio. Pian piano stanno arrivando tanti ragazzi che non stanno nel campo e vengono qui a trovare gli amici. Noi stiamo cercando di far diventare il campo anche un luogo di aggregazione che, in un contesto difficile, aiuta a superare i momenti più duri.

Fino a quando continuerà questa situazione?

Sappiamo che ci sono turni fino a giugno luglio; tutte queste strutture di volontariato stanno facendo turnazioni anche fino a settembre. Mi auguro che la situazione tendopoli si evolva e dalla tenda si passi ad una struttura più solida. Oggi infatti qui si è allagato tutto e abbiamo dovuto smontare e sospendere l’attività. I limiti della tenda si cominciano a sentire. Purtroppo molti uffici amministrativi ancora non funzionano e tutto è più difficile. Sicuramente è stato importante partire; Anpas ha promesso che farà arrivare presto dei container scuola al più presto per avere una struttura migliore.

di Antonella Giordano

 

Comments are closed.