IMMIGRAZIONE. Al via campagna OIM di sensibilizzazione contro gli stereotipi

"Il solito immigrato protagonista di un fatto di cronaca" è una dottoressa che soccorre un uomo steso a terra. È con questo slogan, e un’immagine in bianco e nero di un medico che porta ossigeno e assistenza a una persona priva di sensi, che l’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni (OIM) lancia la campagna di sensibilizzazione sulla migrazione, realizzata in collaborazione con l’Agenzia Pubblicitaria Publicis e già pubblicata sabato 18 aprile da l’Unità, Il Tempo, La Gazzetta del Sud, La Sicilia e Il Giornale di Sicilia, che sarà diffusa anche nelle prossime settimane attraverso mezzi stampa locali e nazionali.

L’iniziativa intende contribuire a dare un’immagine dei migranti diversa da quella proposta solitamente dall’informazione, sottolinea il capo missione OIM in Italia Peter Schatzer: "Occorre infatti cominciare a sovvertire quell’errato e superficiale luogo comune, spesso promosso anche dai media, che identifica troppo facilmente immigrazione con criminalità – afferma Schatzer – La campagna dell’OIM fotografa invece una realtà spesso dimenticata dal punto di vista mediatico: quella del fondamentale ruolo svolto dai migranti nel panorama economico e sociale italiano." "Per dar ancora più forza a questo messaggio – continua Schatzer – siamo stati aiutati da persone come la dott.ssa Kyenge Kashetu, medico di origine congolese che effettivamente esercita la propria professione in Italia e che rappresenta quella maggioranza silenziosa di immigrati che contribuisce in modo rilevante al buon funzionamento del paese, della sua economia e dei suoi servizi."

Comments are closed.