IMMIGRAZIONE. Apre a Viterbo il Centro Universitario e Culturale Romeno

Apre a Viterbo il Centro Universitario e Culturale Romeno, con corsi di laurea e master dedicati ai romeni residenti in Italia, in lingua romena, corsi di lingua, storia e cultura per le seconde generazioni e l’allestimento di mostre, concerti, esposizioni e spettacoli perché il centro sia luogo di incontro e cultura non solo per i romeni. L’inaugurazione della struttura, promossa dalle sei università dell’Unione delle Università UUC di Cluj Napoca e situata nel Convento della S.S. Trinità dei Padri Agostiniani, si svolgerà sabato 26 settembre.

L’obiettivo è l’estensione dell’offerta accademica ai romeni residenti in Italia attraverso l’insegnamento a distanza con l’Università di Cluj Napoca e con obbligo di frequenza ridotta, e con il coinvolgimento delle università di Cluj negli scambi culturali fra italiani e romeni. La nascita del Centro vuole dunque dare "un luogo di incontro, di cultura e spiritualità", nella consapevolezza che il dialogo è lo strumento più forte di una integrazione già realizzata, come testimoniano i numeri sintetizzati dalla Fondazione Omnia Onlus che parla non a caso di "scambio di popolo": oltre 28.000 aziende italiane operanti in Romania generano più del 10% del PIL romeno garantendo lavoro a 800.000 operai, migliaia di aziende con titolari romeni sono attive in Italia e stanno acquistando maggiori dimensioni sul mercato, ci sono 340 voli da e per la Romania con partenze da 24 città italiane, 3.000 camion romeni che varcano le frontiere italiane, 12 miliardi di euro di interscambio tra Italia e Romania.

Le attività a carattere accademico e scientifico che si svolgeranno nel centro sono:

  • corsi di laurea: attraverso il sistema FAD verranno implementati corsi di laurea da parte delle tre università accreditate nelle specialità legate all’agricoltura, zootecnia, medicina veterinaria, orticultura, diritto, economia, lingue, scienza della formazione, psicologia, management, scienze politiche e comunitarie, canto e strumenti musicali. I corsi sono destinati a romeni residenti in Italia e in lingua romena.
  • master e corsi specialistici
  • attivazione di programmi di cooperazione tesi a garantire scambi di docenti e studenti nell’ambito dei programmi comunitari
  • partecipazione ad attività di ricerca unitamente ad atenei e centri di ricerca, enti e/o istituzioni pubbliche e private italiane
  • attività per la rilevazione dei bisogni formativi in riferimento agli obiettivi del CUC
  • attività di orientamento scolastico e di supporto all’inserimento nel mondo lavorativo.

 

Comments are closed.