IMMIGRAZIONE. Cassazione: “Attenuanti se l’omicida è emarginato e clandestino”

In caso di omicido sono previste attenuanti se l’imputato è clandestino, giovane ed emarginato socialmente. E’ quanto prevede la sentenza della Corte di Cassazione (1478 del 2006) che respinge l ricorso della Corte d’Assise di Milano che si era opposta al riconoscimento delle attenuanti ad un clandestino di 20 anni condannato per omicidio e rapina. Nella sentenza si legge infatti che: "L’attenuante tiene conto del comportamento processuale, alla giovane età dell’imputato, nonché alla sua arretratezza culturale e la sua situazione di emarginazione sociale conseguente allo stato di immigrato clandestino senza uno stabile lavoro in Italia".

Comments are closed.